– Pola –

Pola o Pula, capoluogo storico dell’Istria, in Croazia.

Nell’estate del 2014 molte persone passarono le loro vacanze proprio in Croazia, tra queste c’ero anche io. Precisamente a Medulin, a pochi chilometri da Pola.

Pola è un importante centro portuale. Tra le attività industriali prevalenti vi sono l’industria alimentare, i cantieri navali e i cementifici. Il monumento più importante è l’Arena, che funge anche da simbolo per la città ed è tra gli anfiteatri antichi di età romana meglio conservati. Pola è sede vescovile con la Diocesi di Parenzo e Pola, suffraganea dell’Arcidiocesi di Fiume. La città si estende su sette colli come Roma: Castello, Zaro, San Michel, Castagner, Monte Ghiro, San Martin, Monte Paradiso.

La città, come la maggior parte dell’Istria, adotta ufficialmente il bilinguismo (italiano e croato), ma la sua attuazione varia a livello comunale. Nel 1947 il croato venne imposto quale lingua ufficiale, ma fu con le sollevazioni antitaliane organizzate nel 1953 (crisi italo-jugoslava per la questione di Trieste) che vennero distrutte tutte le scritte, le insegne e i cartelli in italiano, che così scomparvero da Pola. Dopo anni e numerose richieste è stato ripristinato in parte il bilinguismo (Grad Pula – Città di Pola); Tra le tante iscrizioni sistematicamente bilingui vi sono targhe commemorative dell’uccisione di cittadini polesani e partigiani da parte di fascisti tra 1943 e 1945. 

La città è servita dall’aeroporto di Pola e da una stazione ferroviaria, capolinea della ferrovia Istriana. Il porto è servito da diverse linee di navigazione. Nei pressi di Pola ci sono numerose aree turistiche molto apprezzate e frequentate nella stagione estiva, tra cui le isole Brioni, già soggiorno turistico del maresciallo Tito. 

Ogni anno, nella seconda metà di giugno, Pola vive la festa dei fuochi di San Giovanni Battista (proprio come succede a Torino), con i falò accesi sui colli di Monte Zaro e del monte San Michele.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Informazioni e Storia: Wikipedia

Photographer: Rita Anzano

logowhynot

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...